White Lies – Franz Ferdinand – Killers

Prima data personale sul prato delle Capannelle per Rock in Roma 2009.

Tre grandi gruppi sul palco, ma inutile nascondere che la mia presenza è tutta per i Franz Ferdinand (anche se ho dimenticato di indossare la loro maglia!).

White Lies: Aprono la serata nel loro primo concerto in Italia e non sembrano affatto soffrire l’esordio. Con un ottimo groove snocciolano tutti i brani del disco passando per il singolo consumato nelle radio “To Lose My Life”. Potenti e dance al punto giusto, questi ragazzi preparano davanti a loro un futuro roseo.

Franz Ferdinand: Che ve lo dico a fare. Sarà che li aspettavo da tanto, sarà che al momento sono il mio gruppo preferito, sarà che ero troppo dispiaciuto per la pessima acustica dello stadio Olimpico nella loro precedente esibizione…insomma sarà, ma io questo concerto non me lo scorderò mai! Impatto eccezionale, ritmi incalzanti e imprevedibili, impossibile stare fermi e non saltare al ritmo dei loro singoli più famosi. Un percorso musicale che attraversa i tre dischi per i veterani e per i nuovi avventori. Inizio esplosivo con “This Fire” e conclusione innovativa con un breve dj-set che ben si sposa con il loro nuovo mood elettronico. Per dirla con una sola parola: Eccezionali! Non perdete il loro prossimo concerto.

Killers: Senza dubbio una delle band più popolari del momento e il carisma del cantante Brandon Flowers unito alla sua più che notevole voce lo rendono del tutto giustificato. Nonostante ciò a me questo concerto non ha entusiasmato. Anche se ho apprezzato i pochi pezzi che conoscevo non sono riuscito ad andare oltre il battito del piede. Un po’ troppo pop per i miei gusti, un po’ tutti troppo uguali i brani: 4/4 e un ritornello coinvolgente. Per non parlare del chitarrista, che sembra aver appena lasciato i Bon Jovi. Ben curata ed efficace invece la cornice scenografica con tanto di fuochi d’artificio in chiusura.

Nel complesso, 46€ ben spesi…e stasera Divine Comedy 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.